La verita’ sulle assicurazioni legate ai mutui che nessuna banca ha il coraggio di dirti.

By | 02/05/2015

Ciao!

Una delle domande che mi pongono i miei clienti è, di fronte ad un’offerta di mutuo di una banca, se e quali polizze assicurative sottoscrivere, dal momento che nei colloqui diretti che si fanno allo sportello, tutte le banche “obbligano” a sottoscrivere ALMENO un pacchetto con compagnie a loro collegate.

Ora ti spiego due concetti fondamentali e stai bene attento, perché quello che ti sto scrivendo vale tanti soldi (adesso o un domani) e soprattutto TANTA tranquillità:

  • A PRESCINDERE DA QUELLO CHE TI CHIEDE LA BANCA, SE TU INTENDI INDEBITARTI E NON TI ASSICURI, SEI UN FOLLE, UN PAZZO O SEMPLICEMENTE UN IGNORANTE (SENZA OFFESA).

Si, scusami, voglio essere molto diretto con te, non lo faccio per fare la figura del macho, ma se è un modo efficace per darti una mano concreta allora mi sta bene.

So che con la crisi ora si guarda anche all’euro speso nel caffè, ma poi tutti a casa hanno l’abbonamento a SKY. Tu non sei da meno, giusto?

Eppure, quando si progetta un investimento importante come l’acquisto della nuova casa, le assicurazioni sono viste spesso come una spesa superflua o da evitare.

Come se fosse una truffa.

Tanto più se vengono richieste dalla banca per migliorare il tuo profilo ed erogarti un mutuo che altrimenti, difficilmente ti potresti permettere.

Invece, una delle prime spese che devi pianificare, sono proprio le varie assicurazioni che tutelano te di fronte a problemi sull’immobile e sulla tua capacità finanziaria e delle persone coinvolte, di rimborsare il mutuo

A PRESCINDERE CHE TE LE CHIEDA LA BANCA O MENO.

Ripeto se non ti è chiaro

A PRESCINDERE CHE TE LE CHIEDA LA BANCA O MENO.

E’ sempre e solo una questione di priorità e sensibilità.

Lo so che ti credi immortale come Superman oppure immune da inconvenienti come i Fantastici 4, ma la realtà è ben diversa.

Troppo spesso dei progetti fantastici vengono rovinati da una superficialità nell’affrontare delle situazioni apparentemente distanti, ma purtroppo sempre più comuni e all’ordine del giorno.

Disoccupazione, malattie , incidenti, non ne vorrei mai parlare con nessuno ma mi basta scorrere solo il database dei miei clienti per rendermi conto che il 23% di loro ha beneficiato negli ultimi 5 anni enormemente di queste tutele PREVENTIVE sottoscritte a suo tempo, altrimenti sarebbero state costrette a rinunciare a tutto o in parte l’immobile che hanno acquistato e al benessere associato.

Del resto, fin dal 2004 ho agito sensibilizzando i miei clienti sull’utilità PER LORO di assicurarsi di fronte a questi eventi, tempi in cui la banca faceva solo la banca e nessuno proponeva niente di particolare allo sportello.

Ti faccio alcuni esempi pratici, non voglio fare il guastafeste, della realtà che accade fuori dal pianerottolo (se non vuoi sentir parlare di disgrazie passa oltre, ma non dire che non te l’avevo detto):

  • coppia con due bimbi a carico dove il marito scompare in un terribile incidente stradale.

Mutuo sulla casa di 240.000 , lui non assicurato caso morte e infortunio nonostante entrambi fossero dipendenti giovani.

Risultato? lei oltre che vedova è stata costretta a SVENDERE la casa e trovarsi comunque sul groppone parte del mutuo residuo che non ha estinto con la vendita.

Oltre che due bimbi piccoli da crescere e un dolore enorme da affrontare, con un solo stipendio.

Sarebbe bastata una copertura caso morte base e una polizza a tutela del reddito per sostenere la vedova , attraverso una immediata riduzione del mutuo (o estinzione totale) e un ulteriore supporto di reddito per ulteriori 12 mesi.

Costo? 35 euro al mese. L’abbonamento base di Sky.

Vuoi un altro esempio? Eccoti accontentato:

  • coppia straniera , lei badante lui operaio edile. Il datore di lavoro di lei muore, quello di lui fallisce nel giro di 4 mesi. Peccato che hanno comprato casa da poco più di un anno con mutuo trentennale.

Non ricevono più lo stipendio per diverso tempo e gli ammortizzatori sociali permettono loro di sopravvivere, ma il mutuo, SEPPUR DI IMPORTO RIDOTTO (600 euro al mese) non viene onorato.

Casa all’asta dopo 2 anni e umiliazione terribile, tanto da non potersi nemmeno più permettere un affitto e ritornare ad una vita normale, in quanto la segnalazione di cattivo pagatore allarmava tutti i proprietari di casa.

Con 20 euro al mese avrebbero goduto della copertura totale della rata + altri 400 euro al mese per il primo anno. Ovvero la polizza avrebbe restituito già nei primi 18 mesi ben più del COSTO TOTALE previsto per tutta la durata del mutuo.

Perdere il lavoro non equivale ad un incidente stradale ma le probabilità di perdere il posto, complice anche la crisi, non sono poi così basse.

E tu cosa stai facendo per evitare questo?

Sei ancora convinto che è meglio spendere 60 euro per Sky e non assicurarti?

Ora ti spiegherò come non rinunciare a nessuna delle due possibilità.

Credo tu capisca come la penso: ritengo obbligatorio MORALMENTE assicurarsi nei confronti dell’impegno che ti stai prendendo, perché non è solo verso sé stessi ma verso tanti altri soggetti coinvolti!

Poi c’è anche un altro lato, quasi divertente.

Penso sempre infatti al luccichio negli occhi delle mogli quando spiego che, in molte polizze vita, dopo i primi 24 mesi, c’è il rimborso del mutuo anche in caso di SUICIDIO del coniuge con quota capitale estinta e magari un ulteriore somma a loro vantaggio.

Al che prometto sempre di risentirsi dopo 25 mesi per sapere se tutto va bene, non si sa mai!

A parte gli scherzi, ora che ti ho fatto riflettere su queste situazioni spiacevoli, c’è da chiedersi COME ASSICURARSI, e qui arriva il secondo punto:

  • QUANDO VAI IN BANCA, NEL 93% DEI CASI STAI SODDISFANDO LE ESIGENZE DELLA BANCA, NON LE TUE.

Ti faccio una semplice osservazione: hai presente la copertura incendio-scoppio sull’immobile, quella che “per legge è obbligatoria?”

La banca ti copre il valore di ricostruzione a nuovo fino a copertura DEL MUTUO RESIDUO, quindi se la tua casa accidentalmente va a fuoco, tu di tasca tua devi:

  1. pagare la differenza tra il danno subito e il mutuo residuo;
  2. ricomprare di tasca tua tutto il mobilio, l’arredamento, gli elettrodomestici e l’abbigliamento;
  3. sperare che l’incendio non si sia propagato creando danni a cose o persone esterne, lì si che sarebbe una vera tragedia;

Tutto questo magari per 100 o 200 euro di differenza annua.

15 euro al mese, l’abbonamento di Mediaset Premium stavolta.

Quindi, quando assicuri l’immobile, fallo per il valore TOTALE e anche per quegli eventi che sono ULTERIORI e che alla banca non interessano, ma a te sì! Soprattutto quelli che potrebbero davvero rovinarti l’esistenza.

Lo so, all’inizio sembrano cose che non accadono mai, avvenimenti del “figurati se mi succede!”.

Le persone che subiscono questi incidenti rispondono sempre così, chissà come mai…

ATTENZIONE poi a non cadere nel tranello dell’assicurazione REGALATA!

Ti faccio un altro esempio così la smetti di farti fregare (se il concetto è troppo offensivo, non mi interessa. Lo faccio per il tuo bene) dalle offerte a ZERO SPESE perché poi i problemi te li trovi dopo.

Una famosa banca on line che propone il mutuo dal colore di un frutto che comincia per A , si fa forte che regala la copertura assicurativa sull’immobile.

Non è l’unica ma la conosco bene e ho avuto lo scrupolo di guardare bene in cosa consiste, perché viene scritto nero su bianco sull’atto del notaio.

Sai cosa ho scoperto? (tieniti forte…)

Che l’assicurazione è sì regalata, ma Il 50% del danno è a carico del mutuatario!!! Ovvero, LA FRANCHIGIA è del 50%!!!

Ma ti rendi conto di che follia è mai questa?

Pensa a fare una assicurazione sulla tua auto che in caso di incidente, lascia a te il 50% del danno da pagare SENZA POSSIBILITA’ di discussione!

Qui il “fifty-fifty” non è 50 o 100 euro, non è il momento di “famo a metà”, qui si parla di MIGLIAIA DI EURO!

Ti pare UNA GRANDE IDEA ???

Ti pare che STIANO FACENDO I TUOI INTERESSI o sia una gran trovata di marketing?

Certo , così il costo complessivo del mutuo è più basso, ma dico sempre ai miei clienti, IL MIGLIOR MUTUO NON E’ MAI QUELLO CHE COSTA MENO!

E’ quello che, UNA VOLTA SOTTOSCRITTO, TI LASCI MENO PENSIERI POSSIBILI IN FUTURO.

Ora ti spiego cosa prevede la legge.

La legge prevede che la banca offra ALMENO due preventivi di compagnie differenti, tra le quali il cliente può “””LIBERAMENTE””” scegliere oppure rivolgersi ad una compagnia di suo gradimento a parità di condizioni.

Peccato che nessuna banca che conosco opera così. Anzi, molte sono state multate e sanzionate per comportamento scorretto, ma ovviamente finché il guadagno sarà superiore alla sanzione, non cambierà granché.
Come comportarsi di conseguenza?

TI SPIEGO LA VERITÀ.

LA BANCA VUOLE DAVVERO DELLE COPERTURE ASSICURATIVE SOLO PERCHÉ CI GUADAGNA?

Se ti attacchi alla legge e ti metti di spigolo fin dall’inizio con la banca, difficilmente otterrai il mutuo, oppure l’otterrai con condizioni ben più care (a meno che non ti rivolgi a noi, ma questo è un altro discorso).

Devi essere molto più disponibile, che non significa ACCETTARE di buon grado tutto quello che ti chiedono.

In primis perché allo sportello hanno delle direttive chiare nel quale si deve erogare il mutuo con ALMENO una copertura abbinata, sia perché vi è un aspetto di guadagno ulteriore per la banca (e fin lì lo capiscono anche i bimbi dell’asilo.)

Ultimamente sta nascendo un’altra esigenza importante e quasi preponderante rispetto al guadagno:

Alla banca interessa che, in caso di evento, la compagnia di assicurazioni risponda VERAMENTE!

Purtroppo non tutte le compagnie hanno creato dei prodotti assicurativi appositamente tarati per mutui e finanziamenti e quindi è successo sempre più spesso che alcune compagnie non interpretavano bene le garanzie assicurative richieste dalla banca e, una volta chiamate a rispondere effettivamente, lasciavano scoperta la rata da pagare.

Faccio un esempio: la copertura chiamata “pecuniaria” fornisce una somma di denaro in caso di disoccupazione e si attiva normalmente dopo 60 giorni dal licenziamento per un capitale pari ogni mese alla rata di mutuo.

Ma se il beneficiario chiede di essere pagato su un conto corrente diverso rispetto a quello della banca, succede l’assurdo che il beneficiario riceve l’indennità, ma poi non rimborsa la banca!

Quindi usa i soldi non per lo scopo originario ma per altre finalità, e la banca ci resta con un palmo di naso.

Cosa prevede il buonsenso.

Il buonsenso consiste nel valutare le offerte e soprattutto LE COPERTURE e le MODALITÀ di pagamento e non scartare a priori le offerte della banca.

Le banche insisteranno per farti sottoscrivere dei premi unici anticipati per coprire tutto il periodo del mutuo (o almeno l’iniziale per tutelare i loro interessi) ed è comprensibile.

Effettivamente questo comporta un bel risparmio, ma ritengo opportuno che, se la scelta ricade su pacchetti offerti dalla banca, LA BANCA FINANZI COL MUTUO queste somme!

Così puoi continuare a guardare SKY senza problemi perché il costo assicurativo te lo paghi nella rata.

Compatibilmente con la rata che ne risulta (che deve essere sempre per te sostenibile ora e in futuro), hai un bel vantaggio.

E qualora estinguessi il mutuo in anticipo, hai DIRITTO AL RIMBORSO della quota parte del mutuo non goduto.

Faccio un esempio banale e non corretto, ma solo per rendere l’idea.

Hai un premio di 20 anni che costa 5000 euro, ogni anno sarebbero 250 euro, se lo estingui dopo 10 anni hai diritto al rimborso di una parte del premio (le percentuali di rimborso sono diverse da banca a banca, ATTENZIONE!)

Cosa facciamo per te in questo caso.

Grazie al nostro ruolo di broker indipendenti ma specialisti nel settore, abbiamo stipulato degli accordi con queste caratteristiche:

  • siano tarati sulle esigenze dei clienti e non dei PACCHETTI STANDARD
  • vadano ben oltre le normali coperture offerte allo sportello bancario
  • possano essere sufficientemente flessibili da poter intervenire anche nel caso di particolari situazioni difficilmente assicurabili
  • siano INDIPENDENTI dal mutuo stesso (ovvero sia il cliente che, in caso di bisogno, decida se ridurre il debito oppure usare la somma per altri scopi).

Ti pare poco?

Con noi potrai tornare a guardare Sky senza rimorso.

Se hai bisogno di maggiori informazioni a riguardo scrivimi a andrea [chiocciola]mutuocasafacile.com

 

Al prossimo articolo

Andrea

 

 

3 thoughts on “La verita’ sulle assicurazioni legate ai mutui che nessuna banca ha il coraggio di dirti.

  1. Mario

    Apro una breve parentesi relativa alle assicurazioni mutuo caso morte. Anni fa ho stipulato una di queste assicurazioni con una compagnia assicurativa (non direttamente con la banca). Dopo anni di premi pagati mi viene data la possibilità di aprire un account su internet per avere direttamente li la situazione dell’assicurazione. E … sorpresa sorpresa, mi rendo conto che la copertura assicurativa è inferiore di almeno il 20% rispetto al debito residuo del mutuo. La spiegazione che mi viene fornita è perché il mio mutuo è a tasso variabile e che quindi non potrebbero coprire l’esatto importo e quindi a seconda dell’andamento dei tassi di interesse la copertura può essere inferiore o superiore al debito reale. Ma mi chiedo: io ho un mutuo a tasso variabile ma con un piano di ammortamento che non varia negli anni rispetto al debito residuo quindi ho un debito residuo che decresce indipendentemente dall’andamento dei tassi. Perché allora una compagnia assicurativa non è in grado di coprire esattamente il mio debito?

    Reply
    1. Andrea Post author

      Dipende se è una compagnia legata alla banca o una compagnia esterna. Anche qui il ruolo del broker è indispensabile: spesso le coperture assicurative fatte da una banca hanno una sola logica: quella di marginare il più possibile.
      Sono standard e non riflettono mai le peculiarità dell’operazione e delle reali esigenze.
      Se hai bisogno mi contatti, mi occupo anche di questo aspetto.

      Reply
  2. Angelo La Bella

    Volevo far notare una mia esperienza nel caso specifico che ha riguardato una rinegoziazione del mutuo presso la stessa banca. All’inizio del contratto di mutuo stipulammo una polizza a copertura totale (in caso di morte, danno permanente, perdita di lavoro ecc…) dopo aver rinegoziato lo stesso mutuo scopriamo che il beneficio della sospensione in caso di perdita temporanea del lavoro è stata revocata fino alla durata del mutuo stesso (trentennale), ora sono costretto a fare una polizza assicurativa, non con la banca, che mi garantisca questa copertura.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *